Posted by on 30 Gen, 2017 in Recensioni | 0 commenti

Condividi!

Cover di Dopo cinquecento anni, romanzo di Valentina Capaldi (Watson, 2015)

 “«… aveva la testa come le vipere che si trovano nei campi e pupille sottili come quelle di un drago; una lingua rossa come quella di un diavolo; e poi in bocca…» Ebbie si portò le mani aperte davanti al volto, come se così riuscisse a esprimere meglio il concetto. «Erano due zanne gigantesche, lunghe e affilate come pugnali.»”

 

Voi come lo immaginate un demone?
Io… be’, io proprio così. Un demone è il concentrato di tutte la paure e le bruttezze e gli orrori umani. Osceno come il peccato, freddo come la pietra e imbattibile come il più grande degli incubi, il demone incarna tutto ciò che, da sempre, atterrisce l’uomo. Ed è proprio lui il motore degli eventi narrati nel romanzo Dopo cinquecento anni.

 

Rakgat il demone

Rakgat era uno di loro, un demone: forte e letale, terrificante nell’aspetto e divertito dalla morte altrui. In fondo gli esseri umani che sono? Cose di poco conto. Si fa strada uccidendo, Rakgat. Per pura noia, puro piacere, puro diletto. Non gli interessa spiegare, parlare, costruire. Rakgat distrugge. Rakgat gode nella distruzione.

Sì, anche ora che la strega Morwenna l’ha trasformato in un essere umano privandolo dei suoi poteri, anche ora che ha perso il suo aspetto terrificante e acquisito le sembianze di un bel giovane, un ragazzo molto pallido dai capelli tanto chiari da sembrare bianchi.

Rakgat deve riavere il suo aspetto e i suoi poteri, subito.

Per farlo, deve prima trovare il Guardiano, colui che custodisce le chiavi dei Cancelli degli Inferi, e convincerlo ad aprirgli il passaggio per il suo mondo in modo che lui possa riavere tutti i suoi poteri e il suo aspetto demoniaco.

Ad aiutarlo nell’impresa un’altra vittima di una strega, Tighe, un nano gobbo e deforme.

 

Logo Watson Edizioni

 

Un viaggio lungo 500 anni

Dunque il viaggio dei nostri strani eroi (anti-eroi?) ha inizio. Siamo nel 1500, i viaggi sono lunghi e perigliosi, gli spostamenti difficoltosi e lentissimi; ma i due compari hanno tutto il tempo; sono immortali, sarà il tempo a piegarsi al loro volere.

E così, dal fumoso e lussureggiante mondo parigino all’esotismo di quello portoghese, fino a quello spietato e selvaggio della popolazione azteca, lo scopo sarà solo e soltanto uno: trovare Tard, il Guardiano, e sconfiggerlo una volta per tutte.

Germania, 1989. Non sono bastate le lotte, le uccisioni e i sacrifici. Tard ha vinto. Ancora e ancora.
Rakgat e Tighe continuano a confondersi in mezzo alla gente, anno dopo anno, decennio dopo decennio, senza mai perdere la speranza e senza mai lasciarsi andare. Devono avere Tard, devono sconfiggerlo prima che sia troppo tardi e che il Guardiano cambi. Le ore rimaste sono ormai poche.

 

Dopo cinquecento anni, un fantasy classico

Valentina Capaldi, autrice di Dopo cinquecento anni (Watson Edizioni)

Valentina Capaldi, autrice di Dopo cinquecento anni (Watson Edizioni)

Demoni, angeli caduti, Inferi, nani gobbi e gentili e un pizzico di magia. Gli ingredienti per un bellissimo fantasy classico ci sono decisamente tutti e, siamo certi, nessuno resterà deluso da Dopo cinquecento anni.

Come? Come dite? Manca ancora un ingrediente? Ma certo! Ho dimenticato di parlare d’amore!

E c’è anche quello, in questo interessante romanzo della Capaldi. Ma non immaginatevi l’aspetto romance e vagamente smielato dei fantasy young adult al quale ci hanno abituato le major negli ultimi anni. L’amore che avvolge Lachesi, l’umana trovata e adottata da Rakgat e Tighe, è dolcissimo e molto umano, molto poco demoniaco ma assolutamente magico. Un amore che farà sospirare, speciale com’è, gratuito com’è, esclusivo com’è.

Lachesi cresce e, insieme a lei, i sentimenti di Rakgat nei suoi confronti.

Proprio lui, proprio un demone. Come può essere accaduto? Che cinquecento anni da essere umano abbiano cambiato la natura intrinseca del demone?

 

Cosa cercare nel genere fantasy

Dopo cinquecento anni è un fantasy piacevolmente classico che ben si addice a chi ama un certo rigore di genere.

Magia, stregoneria, demoni, evocazioni, trasformazioni e lotte sanguinose rendono questo romanzo un perfetto esempio di come in Italia si possa scrivere fantasy con efficacia e precisione.

In questo caso, a parer di chi scrive, si pecca un poco in atmosfera. Da lettrice, avrei voluto più descrizione del paesaggio, dei dettagli, delle minuzie. Sarebbe stato bello passeggiare tra le vie della Parigi del 1500 e “vederla”, annusarla. Avrebbe, credo, dato quel quid in più a un romanzo già sicuramente godibile e, come si diceva, tutto sommato molto interessante e adatto a un ampio target di lettori.

Eppure si ha come l’impressione finale che qualcosa sia stato sacrificato. Come se qualcosa, volendo o non volendo, sia stato lasciato indietro. E di questa cosa, di questo quid, si sente la mancanza. Ci si è lasciata scappare l’occasione di far viaggiare davvero il lettore attraverso i secoli. Un’occasione ghiotta, direi.

In ogni caso, nonostante anche diversi refusi presenti nel testo, il romanzo è decisamente piacevole, scorrevole e divertente.

I personaggi sono abbastanza tridimensionali da essere interessanti, abbastanza umani da essere comprensibili e il tocco d’amore sul finale ammorbidisce un’atmosfera altrimenti troppo “rigida”.

Lo stile di scrittura e la prosa, così come i dialoghi, sono piuttosto semplici, adatti quindi anche a un pubblico molto giovane, ma non per questo risultano privi di significato o di spessore.

Per concludere, un fantasy senza target specifico, adatto ai ragazzi di ogni età ma adatto anche a tutto quel mondo adulto che non disdegna, ogni tanto, una capatina nell’incredibile e sorprendente universo della magia.

 

Caterina “Kate” Bovoli

Scheda dell'opera

mini-cover Dopo cinquecento anni, romanzo di Valentina Capaldi (Watson)Titolo: Dopo cinquecento anni
Autore: Valentina Capaldi
Editore: Watson – Collana Ombre
Pagine: 268
Prezzo: € 10 (cartaceo) / € 1,99 (ebook)
Link d’acquisto: Cartaceo / ePub / Mobi
Sul sito dell’editore: Vai

VOTO GLOBALE:

 

Ti suggeriamo inoltre:

Condividi!

COMMENTA CON FACEBOOK

commenta